Detrazioni fiscali 2014 al 65% e al 50%: una guida completa

Altri canali

Le detrazioni fiscali 2014 sono una conferma: 65% per il risparmio energetico e 50% per le ristrutturazioni prorogate fino al 31 Dicembre 2014. Ma qual è il quadro completo?

Detrazioni fiscali 2014

L’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del disegno di stabilità 2014 ha previsto un impegno per oltre 27 miliardi fino al 2016. Una cifra importante che spesso genera confusione sia negli utenti che negli addetti ai lavori.

Ecco quindi una guida completa alle detrazioni fiscali 2014, per orientarsi e comprendere bene le tipologie di interventi e i limiti di spesa oggetto delle detrazioni.

Detrazioni fiscali 2014: gli Ecobonus del 65%

La detrazione fiscale del 65%, il cosiddetto Ecobonus, si applica agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

L’aliquota sarà mantenuta per tutto il 2014, per poi decrescere progressivamente: nel 2015 al 50% e nel 2016 si torna all’aliquota ordinaria del 36%.

Diverso il discorso per quegli interventi relativi alle parti comuni dei condomini, per i quali la detraibilità delle spese sostenute è al 65% fino al 30 giugno 2015 e al 50% fino al 30 giugno 2016.

Il bonus si ottiene con uno sconto sull’Irpef dovuta da chi sostiene le spese.

In particolare, vanno previste 10 rate annuali di pari importo. Essendo le detrazioni direttamente correlate all’immobile, nel caso in cui le spese siano affrontate da più soggetti il risparmio fiscale va suddiviso tra tutti “in ragione dell’onere effettivamente sostenuto da ciascuno“.

Per quanto riguarda i limiti di spesa, questi variano a seconda delle tipologie d’intervento. La Guida dell’Agenzia delle Entrate dice che “non è stato stabilito quali opere o impianti occorre realizzare per raggiungere le prestazioni energetiche richieste.”

Le detrazioni fiscali 2014, infatti, sono ottenibili da qualsiasi intervento che ottenga un risultato misurabile di miglioramento dell’efficienza nelle prestazioni energetiche.

In dettaglio, si fa riferimento agli interventi sugli involucri degli edifici per un massimo di 60 mila euro di bonus: sono inclusi coperturepavimentipareti, finestre e infissi (inclusi scuri e persiane). Rientrano nei bonus anche i portoni, sempre che delimitino l’involucro riscaldato della struttura.

Detrazioni del 65% sono previste anche per per l’adozione di misure antisismiche nelle zone ad alta pericolosità (identificate come zone 1 e 2).

Per quanto riguarda i pannelli solari, la detrazione al 65% deve rispettare un tetto massimo di spesa di 60 mila euro, ma non si riferisce agli impianti fotovoltaici, bensì esclusivamente al solare termico per la produzione di acqua calda.

Infine, per quel che riguarda la climatizzazione invernale, l’ecobonus al 65% per il 2014 fa riferimento a opere di sostituzione di impianti esistenti (attenzione: non sono previsti per i nuovi impianti) con altri basati su caldaie a condensazione o su impianti a pompa di calore con alta efficienza, con un tetto massimo di 30 mila euro.

Gli importi massimi diventano cumulabili se i lavori vengono svolti per più interventi.

Detrazioni fiscali

Infine, nel caso in cui un’opera possa essere riconducibile su più tipologie di riqualificazione (ad esempio sia energetica, sia di ristrutturazione edilizia) come la coibentazione delle pareti esterne, sarà il cittadino stesso a dover indicare all’Enea a quale tipo di beneficio intende accedere.

Detrazioni fiscali 2014: incentivi al 50%

Per quanto riguarda le detrazioni fiscali 2014 al 50% per l’efficientamento energetico, anch’esse sono prorogate fino alla fine del 2014 con un tetto di spesa a 96 mila euro.

Per il 2015 è prevista una detrazione fiscale del 40%, che torna invece all’aliquota ordinaria del 36% nel 2016 con un tetto di spesa di 48 mila euro.

[AGGIORNAMENTO: durante il percorso di approvazione Parlamentare della Legge di Stabilità, gli interventi ammissibili alle detrazioni del 50% legati alla manutenzione straordinaria, al risanamento, restauro e ricostruzione in seguito a calamità sono stati portati al 65%].

Inoltre, sono compresi i lavori per la rimozione delle barriere architettoniche e gli interventi di bonifica per amianto, oltre a tutte le operazioni di modifica che hanno l’obiettivo di prevenire infortuni domestici, furti, scassi o aggressioni.

Le detrazioni fiscali al 50% sono relative anche all’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, ma il bonus in quest’ultimo caso non può superare i 10 mila euro, e all’installazione di impianti fotovoltaici.

Per approfondire ulteriormente il discorso “detrazioni fiscali 2014″ nella nostra sezione download sono disponibili le guide aggiornate alle detrazioni fiscali 2014. Inoltre, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione un nuovo sito dedicato (http://www.casa.governo.it/) ed un canale YouTube. Tutte le spiegazioni a portata di clic.

Contattaci senza impegno per maggiori informazioni:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

A cosa sei interessato?

Il tuo messaggio

Copia i caratteri che vedi nell'immagine nel box in basso
captcha

This Post Has 3 Comments

  1. […] e in continuo mutamento, orientarsi è diventato complesso e per questo può essere utile citare la guida completa alle detrazioni fiscali 2014 per comprendere meglio a quali tipologie di interventi sono applicabili e quali sono i limiti di […]

  2. […] Per approfondire in dettaglio gli interventi oggetto di detrazione fiscale o Ecobonus, vi rimandiamo alla nostra guida completa alle detrazioni fiscali 2014. […]

  3. […] la guida completa alle detrazioni fiscali 2014, ecco una panoramica completa su come effettuare i pagamenti e come recuperare la spesa oggetto dei […]

Leave A Reply

Presso i nostri show-room a Salerno sono sempre attive promozioni e sconti dedicati. Per conoscere quelle attualmente attive CLICCA QUI.

Menu